srocco panoramasrocco panoramasrocco panorama
Home SS.Rocco e Bernardino San Rocco a Dorno

S. Rocco a Dorno

coro srocco

Immagine dell'antico coro restaurato da volontari della comunità

Il presepe 2012 preparato dal gruppo Alpini

Di questo santo gli storici non sono ancora riusciti a fissare con indubitabile certezza le date di nascita e di morte, tanto esse variano nelle fonti storiche. E' certo comunque che egli visse in pieno secolo XIV, probabilmente nella seconda metà di esso.

Nato a Montpellier (Francia meridionale); all'età di 17 anni distribuì i suoi beni ai poveri e, vestito l'abito del pellegrino, venne a Roma. Nel viaggio di ritorno, a Piacenza flagellata da una epidemia di peste, compì miracoli di guarigione, finché non fu egli stesso colpito dal male e ne fu guarito, secondo la tradizione, da un angelo che curò le sue piaghe; durante la malattia gli fu compagno un cane che fedelmente gli procurava di che cibarsi. Morì, con ogni probabilità, nella città natale.

S. Rocco viene normalmente rappresentato con gli attributi propri del pellegrino secondo la tipologia già esaminata nella descrizione della statua venerata nella Chiesa a Lui dedicata a Dorno.

Il suo culto, che lo vide patrono contro la peste, insieme con S. Sebastiano, si sviluppò verso la fine del XIV secolo quando le Confraternite in Italia e in Francia si moltiplicarono. La canonizzazione ufficiale avvenne nel secolo XVIII a opera del papa Urbano VIII, quando il culto di S. Rocco era già diffusissimo da secoli e il Santo era invocato anche come protettore contro le malattie infettive degli animali.

La devozione a S. Rocco si strutturò in forme associative di carattere assistenziale; le confraternite fondavano proprie cappelle in chiese già esistenti, o erigevano, spesso per "ex voto" nuovi edifici intitolati al Santo.

A Dorno ed in altri centri della lomellina la devozione per il S. Pellegrino si divulgò prestissimo e risulta molto diffusa, come testimoniano le moltissime chiese, oratori, cappelle nelle quali affreschi, sculture, statue e stendardi raccontano episodi della sua vita.

Ancora oggi nella ricorrenza della festa di S. Rocco si tengono cerimonie e processioni con la statua del Santo; anche a Dorno, fino a circa 10 anni fa, si snodava dalla Chiesa del Santo una processione molto frequentata.

 
il Progr.Pastorale 19/20
Casa della Condivisione