• Chiese
  • Chiese
  • Chiese
  • Chiese
  • Chiese
Italian Chinese (Simplified) English French German Portuguese Russian Spanish
Home I gruppi S.Materno Vescovo Amici di S.Materno

Gruppo Amici di San Materno

il Gruppo

Nel mese di settembre 2002 si è costituito ufficialmente il Gruppo "Amici di San Materno" riuniti in un Sodalizio con il seguente statuto:s materno_interno_luce

(bozza dello statuto)

1 – costituzione, denominazione e sede

1.1 – Nella Parrocchia di s.Maria Maggiore in Dorno è costituito il sodalizio "Amici di s.Materno" con sede in Dorno, presso la chiesa di s.Materno, e le sue pertinenze, in via vicinale s.Materno.

2 – scopo e oggetto sociale

2.1 – Il sodalizio non ha fini di lucro

2.2 – Sorge per volontà di tutti coloro che nella condivisione dei valori umani e cristiani, promuovono la memoria storica del vescovo san Materno per far conoscere il suo impegno umanitario e religioso.

2.3 – si propone di

a) realizzare un programma annuale di celebrazioni religiose e di manifestazioni finalizzate a diffondere la venerazione del santo Vescovo, amico del popolo dornese e compatrono del paese, assieme con l'apostolo s.Bartolomeo, e a ravvivare la memoria storica ed il significato religioso e umanitario della sua azione pastorale.

b) garantire celebrazioni religiose, nella chiesa a lui dedicata, con il coinvolgimento degli iscritti e aperte alla comunità e a tutti coloro che vogliono partecipare.

c) favorire tra gli iscritti al Sodalizio e tutti gli altri l'incontro, la collaborazione e la crescita comunitaria alla luce dei valori umani e cristiani che elevano la cultura, la qualità e la dignità della persona, sollecitando la partecipazione di tutti.

d) promuovere, nel suo nome e con il suo patrocinio, varie attività umanitarie, caritatevoli, culturali ed ambientali a favore e nell'interesse del prossimo da svolgere anche in collaborazione con Enti ecclesiastici, pubblici e privati, nonché iniziative in ordine all'impegno di volontariato e di solidarietà mediante opere di misericordia spirituali e corporali particolarmente in soccorso alle nuove povertà.

e) provvedere, in collaborazione con il Parroco, alla conservazione e manutenzione della chiesa di s.Materno e allo sviluppo del suo patrimonio che rimangono proprietà della Parrocchia di s.Maria in Dorno.

2.4 – promuoverà ogni iniziativa per solennizzare la festa di s.Materno, Vescovo di Milano, che ricorre il 18 luglio

3 – patrimonio ed entrate

3.1 – Il sodalizio non ha patrimonio proprio. Il patrimonio del Sodalizio è costituito da: i beni mobili e immobili che pervengono a favore della chiesa di s.Materno a qualsiasi titolo, da elargizioni e contributi da parte di enti pubblici e privati o persone fisiche. (saranno amministrati dal Sodalizio in sintonia con la Parrocchia di s.Maria M. per interventi in favore della chiesa di s.Materno e dell'area adiacente e per iniziative e attività inerenti)

3.2 – per l'adempimento di suoi compiti, in sintonia con la Parrocchia, il Sodalizio potrà disporre delle seguenti entrate:

a. contributo dei soci, degli enti, dei privati, da proventi derivanti da attività del Sodalizio e da liberalità

b. proventi da "quote associative"

c. sottoscrizioni, raccolte pubbliche, donazioni, contributi e lasciti.

3.3 – Alla fine di ogni anno gli utili o gli avanzi di gestione delle attività ordinarie e straordinarie non impegnati per il finanziamento di programmi anche pluriennali saranno devoluti in beneficenza.

3.4 – i versamenti degli iscritti non creano altri diritti di partecipazione e, in particolare non creano quote indivise di partecipazione personali o trasmissibili.

4 .- adesioni

4.1 – Possono aderire al Sodalizio tutte le persone maggiorenni che dimostrino piena adesione agli scopi e ai principi fissati dal presente Statuto.

4.2 – L'adesione è a tempo indeterminato

4.3 – Chi intende aderire al Sodalizio deve presentare espressa domanda al Consiglio di Gestione, recante la dichiarazione di condividere la finalità del Sodalizio e l'impegno di osservarne lo Statuto e il regolamento.

4.4 – la formale adesione sarà approvata dal Consiglio e ratificata dall'assemblea

4.5 – i nuovi Associati entreranno a far parte del Sodalizio a pieno titolo dopo un anno dalla delibera del Consiglio e potranno essere eletti a cariche trascorsi due anni.

4.6 – Tutti i soci sono effettivi e, come tali possono partecipare a tutte le attività del Sodalizio e sono a loro disposizione le strutture, i mezzi e le attività: il tutto con le modalità e il rispetto delle norme stabilite dal regolamento e dalle direttive che il Consiglio di gestione del Sodalizio può in ogni momento dare.

4.7 – Gli iscritti al Sodalizio potranno portare un segno esterno che qualifichi la loro appartenenza e partecipazione.

4.8 – Per gli iscritti viene stesa e adottata la Regola interna di mutua assistenza spirituale, materiale e morale, del rispetto reciproco. La Regola non imposta ma accettata formalmente al momento dell'iscrizione, sarà elemento distintivo di concreta testimonianza dei valori professati e degli scopi descritti nel presente Statuto.

5 – rinuncia

5.1 – Chiunque aderisce al Sodalizio può in qualsiasi momento notificare al Consiglio di Gestione la sua volontà di recedervi, con efficacia immediata.

5.2 – in presenza di gravi motivi il socio può essere escluso con deliberazione del Consiglio di Gestione con effetto immediato. Si deve dare comunicazione all'interessato con i motivi che hanno determinato l'esclusione.

6 – L'Assemblea

6.1 – L'Assemblea dei soci è l'organo primario del Sodalizio alla quale competono le direttive di gestione e le decisioni più importanti.

6.2 – Essa è indetta dal Consiglio di Gestione ed è convocata dal Reggente o, in caso di suo impedimento, da uno dei componenti il Consiglio stesso.

6.3 – l'Assemblea è costituita dai soci aventi diritto di voto, ossia dai soci maggiorenni che abbiano compiuto l'anno di iscrizione al Sodalizio.

6.3.1 – l'Assemblea è presieduta dal Reggente o, in caso di suo impedimento, dal consigliere più anziano di adesione, e poi di età o, in ultima istanza, dalla persona designata dagli intervenuti.

6.4 – il Reggente è assistito dal Segretario, anche non socio, nominato dall'assemblea.

6.5 – spetta al Reggente costatare il diritto dei presenti a partecipare all'Assemblea e la validità della costituzione dell'Assemblea stessa.

6.6 – L'Assemblea viene convocata almeno due volte l'anno, per l'approvazione del rendiconto economico, per l'eventuale rinnovo delle cariche e per ogni altra decisione che le compete e le viene sottoposta.

6.7 – l'Assemblea sia ordinaria che straordinaria è validamente costituita in prima convocazione quando sia presente la metà più uno dei soci aventi diritto; in seconda convocazione l'Assemblea è validamente costituita qualunque sia il numero dei soci intervenuti. L'avviso di convocazione deve prevedere anche l'orario e il luogo di svolgimento della seconda convocazione.

6.8 – Le Assemblee straordinarie sono convocate ogni qualvolta il Consiglio di Gestione lo reputi necessario e lo deliberi o quando siano richieste, con domanda motivata, sottoscritta da almeno un quarto dei soci aventi diritto al voto.

6.9 – Per la validità delle deliberazioni dell'Assemblea straordinaria, chiamata ad esprimersi su modifiche allo Statuto è necessaria la presenza almeno della maggioranza dei soci aventi diritto al voto in prima convocazione, mentre è sufficiente la presenza di almeno un quarto degli stessi in seconda convocazione. Qualora validamente costituita l'Assemblea delibera a maggioranza assoluta dei presenti.

6.10 – Per la validità delle deliberazioni dell'Assemblea straordinaria chiamata ad esprimersi sullo scioglimento del Sodalizio è necessaria la presenza di almeno tre quarti dei soci aventi diritto al voto in prima convocazione, mentre è sufficiente la presenza di almeno il cinquantuno per cento degli stessi in seconda convocazione. Qualora validamente costituita l'Assemblea delibera a maggioranza assoluta dei presenti.

6.11 – L'Assemblea sia ordinaria sia straordinaria viene convocata mediante lettera postale e avvisi negli bacheche del sodalizio.

6.12 – L'Assemblea ordinaria

a. elegge ogni triennio i componenti del Consiglio di Gestione, l'economo e il Segretario

b. annualmente vota il bilancio o consuntivo economico

c. approva i programmi annuali proposti dal Consiglio di Gestione, le attività del Sodalizio e delibera su proposte di modifica del regolamento

d. delibera sugli altri argomenti iscritti all'ordine del giorno

6.13 – L'Assemblea straordinaria

a. delibera su argomenti di convocazione straordinaria secondo il punto 6.8 del presente statuto.

b. delibera su proposte di modifica dello statuto

6.14 – Per l'elezione alle cariche sociali e per la ratifica di adesione, prevista al 4.4 del presente statuto, si vota a scrutinio segreto, negli altri casi si vota normalmente per alzata di mano, salvo diversa determinazione dell'assemblea.

7 – Consiglio di Gestione

7.1 – Il Sodalizio ha un Consiglio di Gestione composto da quattro persone elette dall'Assemblea più il Parroco pro-tempore come assistente spirituale, che potrà farsi aiutare o sostituire da altro sacerdote.

7.2 – Il Consiglio è l'organo responsabile della gestione del Sodalizio e cura collegialmente tutta l'attività.

7.3 – E' composto da quattro membri eletti dall'Assemblea tra i soci maggiorenni aventi diritto al voto e aventi una anzianità associativa di almeno due anni.

7.4 - Il Consiglio di Gestione resta in carica tre anni e i suoi componenti possono essere rinnovabili

7.5 – Il Consiglio di Gestione si riunisce entro 15 giorni dalla elezione dell'assemblea presieduto dal consigliere più anziano di adesione; in tale prima riunione conferisce tra i suoi componenti la carica di Reggente.

7.6 – il Reggente presiede il Consiglio e l'Assemblea, cura l'esecuzione dei deliberati dell'Assemblea stessa

7.7 – l'Economo redige il libro delle entrate e delle uscite e partecipa alle adunanze del Consiglio con voto consultivo.

7.8 – L'archivista-segretario redige il verbale delle riunioni e custodisce l'archivio del Sodalizio.

7.9 – in funzione di esigenze gestionali e di attività il Consiglio potrà affidare specifici incarichi ad iscritti, da almeno due anni, ritenuti idonei alle mansioni richieste.

7.10 – quale strumento atto a disciplinare le attività gestionali l'Assemblea adotta ed adegua il Regolamento di Gestione.

8 – decadenza del Consiglio di Gestione

8.1 – il Consiglio di Gestione decade:

a. per dimissioni contemporanee della metà più uno dei suoi componenti

b. per vacanze, per qualsivoglia causa, non contemporanee nell'arco del triennio della metà più uno dei suoi componenti; fino al raggiungimento di tale limite, infatti, ai consiglieri vacanti subentreranno in ordine i primi non eletti.

 
il Programma Pastorale
Casa della Condivisione
papa Francesco
Link utili
Chiesa cattolica italiana
Sito ufficiale della CEI
La Santa Sede
Sito ufficiale della Santa Sede
Diocesi di Vigevano
Sito internet della nostra diocesi
Liturgia
lachiesa.it calendario liturgico
Sito internet del comune di Dorno Situato nel cuore della Lomellina in provincia di Pavia.
Pro loco di Dorno
Promotrice di molte attività, atte alla valorizzazione del paese.