• Chiese
  • Chiese
  • Chiese
  • Chiese
  • Chiese
Italian Chinese (Simplified) English French German Portuguese Russian Spanish
Home I gruppi Consiglio Pastorale Statuto CPP

 Statuto Consiglio Pastorale Parrocchiale

(Revisione del 20 marzo 2006)

art. 1 – Nella Parrocchia di s. Maria Maggiore in Dorno è costituito il Consiglio Pastorale Parrocchiale ( CPP ) secondo il presente Statuto.

art. 2 – Il CPP è il segno e lo strumento della comunione ecclesiale e della collaborazione organica e corresponsabile di tutti i membri della comunità nella missione pastorale della Parrocchia.

art. 3 – Il CPP ha il compito di:

· studiare ed approfondire tutto quanto riguarda la vita della Parrocchia nei suoi diversi aspetti: evangelizzazione e catechesi, liturgia, carità, formazione e promozione dei vari settori della pastorale, presenza nel territorio

· individuare le esigenze pastorali prioritarie

· elaborare un cammino pastorale, tenendo conto del piano pastorale diocesano, valorizzando persone e strutture della comunità.

art. 4 – Il CPP rimane in carica cinque anni. I suoi membri possono essere rieletti fino ad un massimo di due mandati consecutivi a partire dall'insediamento del nuovo parroco. Il CPP ha carattere rappresentativo. Esso esprime l'intera comunità parrocchiale. Ciascun membro, anche rappresentante di particolari realtà ecclesiali è chiamato a guardare alla vita della comunità nel suo insieme: così ogni soggetto particolare diventa dono per l'edificazione dell'unica comunità.

art. 5 – In conformità al can. 536 del CIC, presidente del CPP è il Parroco. il Segretario è eletto con la maggioranza dei 2 / 3 del Consiglio. Il Segretario ha il compito di raccogliere, ordinare, sottoporre al Presidente i lavori preparatori dell'assemblea e redigere i verbali.

Art. 6 – Il CPP è composto da

· Presidente: il Parroco

· Vicepresidente: il Vicario Cooperatore o il Segretario eletto dall'Assemblea

· Un membro di ogni Gruppo Parrocchiale

I Gruppi eleggono autonomamente il proprio rappresentante e notificano il nominativo al Parroco.

· Una rappresentante della famiglia religiosa eventualmente presente in Parrocchia

· Membri eletti dalla comunità: 3 adulti e 3 giovani

Possono essere eletti tutti i membri della comunità che abbiano compiuto 18 anni e siano impegnati nella vita cristiana ed ecclesiale.

· Membri nominati dal Parroco: 3.

art. 7 – Il CPP, a norma del can. 536 § 2, ha voto consultivo.

art. 8 – Il CPP ha facoltà di eleggere due moderatori che sono responsabili dell'ordinata conduzione dell'assemblea e si alternano nello svolgimento di questo compito.

art. 9 – Ogni consigliere che per tre sessioni consecutive non partecipa alle riunioni, senza giustificare l'assenza o per 6 sessioni consecutive non partecipa alle riunioni, anche se giustificato, sarà considerato dimissionario e sarà sostituito.

art.10 – Il CPP è convocato dal Parroco e si riunisce almeno quatto volte l'anno

art.11 – L'O.D.G. è compilato dal Presidente e dal Segretario

Argomenti non iscritti all'O.D.G. potranno essere trattati su parere della maggioranza dei presenti.

L'O.D.G. sarà inviato ai Consiglieri almeno cinque giorni prima della seduta per permettere l'esame singolarmente o a livello di commissioni.

art.12 – Il CPP si ritiene validamente e regolarmente riunito quando è presente la metà più uno del componenti.

Ogni proposta diventa valida quando raccoglie il consenso della metà più uno dei Consiglieri presenti.

Le votazioni avverranno ordinariamente per alzata di mano; a scrutinio segreto quando si tratta di casi personali o di nomine su proposta del Presidente o su deliberazione dell'assemblea.

Di ogni sessione verrà redatto un verbale che dovrà essere letto ed approvato nella sessione successiva.

art.13 – Il moderatore che illustra una questione iscritta all'O.D.G. dovrà essere il più conciso possibile e la sua relazione sarà necessariamente scritta per poterla allegare, come documento, al relativo verbale.

art.14 – Per assolvere meglio gli scopi previsto dall'art. 3 il CPP può nominare commissioni di studio e di lavoro. Esse dureranno in carica per il tempo stabilito dal CPP.

Le commissioni saranno formate da almeno due membri del Consiglio e anche da persone ad esso esterne.

art.15 – Il CPP ha facoltà di convocare l'assemblea parrocchiale almeno una volta l'anno per informare, consultare, raccogliere proposte.

La comunità sarà comunque regolarmente informata delle attività delle attività del CPP tramite i Consiglieri e il mensile "L'Aurora della Lomellina".

art.16 – Quando la Parrocchia è vacante, per morte o trasferimento del Parroco titolare, il CPP può continuare il suo servizio per le normali attività pastorali sotto la presidenza dell'Amministratore Parrocchiale, tenendo presente il can. 540 del CIC.

art.17 – Il presente Statuto potrà essere modificato o integrato con parere favorevole di almeno 2 / 3 del Consiglio stesso.

--- Fine documento ----

 

 
il Programma Pastorale
Casa della Condivisione
papa Francesco
Link utili
Chiesa cattolica italiana
Sito ufficiale della CEI
La Santa Sede
Sito ufficiale della Santa Sede
Diocesi di Vigevano
Sito internet della nostra diocesi
Liturgia
lachiesa.it calendario liturgico
Sito internet del comune di Dorno Situato nel cuore della Lomellina in provincia di Pavia.
Pro loco di Dorno
Promotrice di molte attività, atte alla valorizzazione del paese.